Home Page       Curiosity       Stazione       Radioascolto       Stazione Meteo       Rad. Maritt.       Altro ancora...

 

 

[OT] Diorama Locomotiva Diesel FS D 341

 

06/11/2015 - Grazie alle particolari condizioni di luce tipiche delle giornate autunnali torinesi, ho fotografato il mio piccolo diorama con la D341 sfruttando lo sfondo, visibile da una delle finestre di casa, per rendere maggiormente realistico il tutto. Per gli appassionati di "trenini e treni..." si tratta di una D341 della Rivarossi del 1975. Ecco le caratteristiche di questa macchina che per anni ha prestato servizio sulle linee non elettrificate della nostra nazione [fonte Wikipedia].

Le D.341 furono costruite dal 1957 al 1963 nel numero complessivo di 105 esemplari, suddivisi in due serie e con motorizzazione differente; secondo le disposizioni vigenti la serie assegnata alla Fiat ebbe assegnato il numero 1 come prima cifra della numerazione progressiva e pertanto il gruppo fu immatricolato come D.341.1001-1016 mentre quelle costruite dalla Breda ebbero la classificazione D.341.2001-2002 (la Breda era designata utilizzando la cifra iniziale 2). La seconda serie, modificata anche nell'aspetto estetico, vide aggiungere le D.341.1017 (modello visibile nel diorama) -1068 al gruppo di quelle con motorizzazione Fiat e le D.341.2003-2035 al gruppo di quelle Breda. Anche l'Ansaldo e le Officine Meccaniche Reggiane ottennero un'ordinazione ma i loro modelli rimasero esemplari unici; furono immatricolati come D.341.4001 e D.341.5001. Nel 1991 le D.341 del deposito locomotive di Taranto furono le ultime a essere ritirate dal servizio sulla rete FS.

Le D.341 si sono dimostrate all'altezza della situazione, affidabili nell'esercizio anche in quello pi gravoso, sia nei servizi merci che in quelli viaggiatori. A riprova del fatto, molte locomotive continuano ancor oggi a prestare la loro opera, dopo l'alienazione dalle FS, presso ditte ed imprese private. La costruzione della struttura e della cassa, il cui ordine iniziato nel 1957 stata ripartita tra Fiat Materfer, Tecnomasio Italiano-Brown-Boveri, Officine Meccaniche Reggiane, OM, S.M.Pozzuoli, IMAM-Aerfer e Breda.